L'azienda|Informazioni|Contattaci

La Guida di Gallipoli

La Città
Informazioni
 Origini | Monumenti
Immagini
 Foto | Spiagge | Cartina

Stutture e Aziende
Ricettività
 Hotel | Stabilimenti
 Campeggi | Agriturismo
 Ag. Viaggi | Immobiliari
Ristorazione
 Ristoranti e Bar
 Pizzerie e Pubs
Tempo libero
 Cinema e Teatri
 Discoteche
 Sport e Bellezza
Consigliati e Varie
 Shopping "consigliato"!
 Altre Attività

Servizi utili
Fiere e Sagre
 Giugno | Luglio | Agosto
Eventi
 Giugno | Luglio | Agosto
Numeri utili
 Numeri utili

La Città - Informazioni

Monumenti e Chiese

La fontana ellenistica ad esempio, di incerta origine, forse dell'ultimo periodo di dominazione greca, nel terzo secolo a.C. E' situata in prossimità del ponte che dà l'accesso alla Città Vecchia; sono raffigurate sulle sue facciate, immagini delle fatiche di Ercole e le metamorfosi di Dirce, Salace e Biblide. Pessimo lo stato di conservazione, dovuto soprattutto alla corrosione e al vandalismo.
A pochi metri dalla fontana, il Santuario del Canneto , il cui nome è dovuto alla leggenda che vuole il ritrovamento di una immagine della Vergine Maria tra le canne della palude vicina. L'edificio fu distrutto da un incendio e ricostruito per ben due volte nel XVI e XVII secolo.
Attraversando il ponte d'accesso alla Città Vecchia, costruito originariamente tra il 1603 e il 1607, ma poi rifatto nella sua struttura odierna negli anni 40, si costeggia la mole imponente del Castello , di origine romano-bizantina, poi ampliato e rivisto da Angioini, Aragonesi e Spagnoli.
La sua struttura è rinforzata da un Rivellino , con funzioni di difesa avanzata verso la terraferma, oggi sede di un cinema all'aperto.
All'interno del Borgo Antico numerose le chiese e palazzi di importante valore storico.
La chiesa di S.Maria del Monte Carmelo costeggiante il Palazzo del Seminario , inaugurato nel 1760, realizzato in carparo e ricco di fregi e modanature di un elegante barocco. Più avanti, nella piazza oggi denominata piazza Duomo, la Torre civica dell'orologio , costruita tra il 1704 e il 1712, accanto alla Basilica Cattedrale intitolata a S.Agata , protettrice della città. Costruita nella prima metà del XVII sec., è uno splendido esempio di barocco leccese, con una facciata in carparo recentemente restaurata; al suo interno numerose tele dipinte tra il '600 e il '700, da una schiera di artisti locali e napoletani come Giovan Domenico Catalano e Giovanni Andrea Coppola.
Di fronte alla magnifica basilica, lo splendido palazzo Pirelli di stile cinquecentesco, oggi di proprietà della famiglia Arlotta - Provenzano: da vedere l'interessante soffitto, ricco di decorazioni e riferimenti alla dea Minerva, dell'antico ingresso del palazzo, che gli attuali proprietari hanno conservato con cura, sede dall'800 di una farmacia. Nella vicinanze la Chiesa Conventuale di S.Teresa , con annesso monastero delle "Teresiane" che vivono in clausura.
Sede oggi della Biblioteca Comunale è l'ex Chiesa di S.Angelo, sul lato destro del Palazzo Comunale . Di importanza storica è il Palazzo D'Ospina , dove ebbe i natali l'eroina risorgimentale Antonietta De Pace, che con Garibaldi, fece il trionfale ingresso in Napoli nel 1860. Del 1760 è il Palazzo Romito , oggi di proprietà della famiglia Senape - De Pace, mentre di proprietà della famiglia Fedele è il Palazzo Venneri , esempio significativo di architettura secentesca. Stupenda è la facciata barocca del Palazzo Tafuri , in carparo locale, da uno spiccato gusto decorativo e una minuziosa cura dei particolari.
Accanto al Monastero Claustrale delle Monache di S.Chiara , oggi sopravvive l'antica Chiesa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo , costruita tra il 1598 e il 1600, oggi devoluta alla Confraternita di S.Giuseppe, nel cui interno si può ammirare una collezione unica per numero e dimensione, di dipinti del gallipolino Giovan Domenico Catalano; più avanti si incontra il Palazzo Pasca -Raimondo , sulla cui facciata si notano le cornici in un sobrio tardo barocco dell'ampia balconata e del portone d'ingresso. Proseguendo alla destra del palazzo, la Chiesa dell'Immacolata Concezione che ospita l'omonima confraternita, costruita nel 1768 e ricca di dipinti di Oronzo Tiso; uscendo verso le mura incontriamo la Chiesa di S.Franceso di Paola , del 1630, ingrandita a cura del Castellano spagnolo di Gallipoli Giuseppe della Cueva. Interessanti sono i sette altari laterali e l'arco del presbiterio minutamente decorato in oro zecchino. Proseguendo lungo le mura, la Chiesa di S.Maria della Purità , ospitante la Confraternita omonima ricca di dipinti e statue in legno e cartapesta, alcune utilizzate per la suggestiva processione del Sabato Santo durante il periodo pasquale. Ancora lungo le mura incontriamo la Chiesa di S.Francesco d'Assisi , con all'interno la Cappella degli Spagnoli in cui furono collocate le statue del buono e cattivo ladrone, il ghigno particolare di quest'ultimo rimase impresso al poeta D'Annunzio che ne fece menzione in molti suoi scritti. Più avanti la Chiesa con Confraternita di S.Maria degli Angeli , del 1665, presenta sulla facciata un panello maiolicato e all'interno quattro dipinti di Diego Bianchi: "la moltiplicazione dei pani", "la moltiplicazione dei pani e dei pesci", "la disputa tra i dottori della Chiesa", "le Nozze di Cana". Ancora la Chiesa del Ss.mo Crocefisso , con confraternita, del 1741, ospitante la statua del Cristo Morto portato processualmente per le vie della città nel Venerdì della Settimana Santa. Molto bella è la Chiesa ex conventuale del Ss.mo Rosario , a pianta ottagonale, contenente una serie di 10 altari laterali, e ricca di dipinti del pittore Catalano; nella sacrestia cinquecentesca, sopravvive un affresco raffigurante la battaglia di Lepanto del 1571 ed un grande albero genealogico della famiglia reale aragonese. Alla fine del giro per il Borgo Antico, si incontra la Chiesa della Ss.Trinità e delle Anime del Purgatorio , per cui 33 nobili gallipolini praticarono la cerca delle elemosine in suffragio delle Anime Sante del Purgatorio. Ricchissima di tele, conserva l'originale pavimento maiolicato del tardo '700 ed il ciborio lavorato in legno e laminato in foglia oro zecchino.
Il Salento
Dove si trova?!?!
Piste ciclabili: Salento guida Europea?
Storia
Arte e artigianato
Cultura e tradizioni
Strutture
Alloggiare
Ristorazione
Monumenti
Svago e divertimenti
Comuni
Sanità
Trasporti
Servizi vari
Rubriche
Agenda eventi
La Guida di Gallipoli
Itinerari turistici
Sapori salentini
Utilità
Segnala ad un amico!
Aiutaci a migliorare!
 
Copyright © 2001-2017 Salento wide web - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale