L'azienda|Informazioni|Contattaci

Rubriche - Itinerari turistici

La Guida del Salento
Otranto

Otranto - Foto di Pierluigi Bolognini - La Guida del Salento - pag.42 - Capone editore Dopo Sant'Andrea, situata proprio al confine fra il territorio del Comune di Melendugno e quello di Otranto, s'incontra, fra la pineta, il mare e una costa variamente frastagliata, un villaggio turistico di recente costruzione, che dal nome della masseria su cui per buona parte è sorto, si chiama Villaggio Specchiulla.

Ancora qualche chilometro ed ecco, da un modesto poggio della litoranea, apparire con il loro ferrigno colore i due laghi dell'Alimini (Alimini grande e Alimini piccola o Fontanelle).

Questi due bacini, che hanno forma tipicamente allungata, in parallelo con la costa, comunicano tra loro e con il mare.

La lunghissima spiaggia degli Alimini giunge fino alla Torre di Santo Stefano, mentre alle spalle si estende una rigogliosa e ben tenuta pineta.

Ed eccoci ad Otranto, che non tanto e non solo può essere definita la "porta d'Oriente", quanto invece un "pezzo d'Oriente" vero e proprio, incastonato in questo meraviglioso angolo talentino.

Le palme, le costruzioni cubiche con cupola, le strette viuzze con una botteguccia e una bancarella ad ogni porta, un vocio inconsueto e un'animazione che , specie di sera, a momenti ci infastidisce, le musiche tra il fumo degli arrosti e delle frittelle, costituiscono i molteplici elementi che quasi per incanto, t'illudono che non è più quello tuo abituale, d'estate, naturalmente.

A Otranto, sull'esempio della tecnica stradaria dei Romani, appaiono ancora oggi strutturate alcune antiche vie del centro storico, con lastre di pietra viva, compatte e levigate.

Decaduta la potenza di Roma, vi si sostituisce Bisanzio, che fa di Otranto un centro politico e religioso di primo ordine.

Ne è altissima testimonianzala chiesetta di San Pietro, già basilica bizantina del VII-VIII secolo.

È però la Cattedrale, consacrata nel 1088, a popolarizzare la maggiore attenzione: al centro di una piazza non grande ma suggestiva domina la facciata romanica, severa, se si eccettuano l'arioso e ricamato rosone ed il portale, realizzati in epoche successive.

L'opera più celebre della Cattedrale è il mosaico del pavimento, che si estende per tutta la navata centrale e per il transetto, ora nuovamente visibile, dopo un lungo e delicato restauro.

Proseguendo ancora nel nostro viaggio, e ricordando che deviando di poco il percorso può agevolmente raggiungersi il bel complesso masserizio di Cippano, si staglia tra cielo e mare il solitario e roccioso Capo d'Otranto, il punto più orientale d'Italia.

Qui secondo i geografi ternima l'Adriatico "celeste" ed ha inizio lo Jonio "azzurrissimo".

La Guida del Salento - Itinerari costieri
San Cataldo | Roca Vecchia | Otranto | Castro | Leuca | Gallipoli

La Guida del Salento - Itinerari costieri Titolo: La Guida del Salento - Itinerari costieri
Tipologia: Guida
Autore: Luciano Graziuso
Casa editrice: Capone Editore
Prezzo: Euro 6,20

82 pagine di itinerari costieri e fotografie per visitare al meglio le città salentine e le loro bellezze!


Il Salento
Dove si trova?!?!
Piste ciclabili: Salento guida Europea?
Storia
Arte e artigianato
Cultura e tradizioni
Strutture
Alloggiare
Ristorazione
Monumenti
Svago e divertimenti
Comuni
Sanità
Trasporti
Servizi vari
Rubriche
Agenda eventi
La Guida di Gallipoli
Itinerari turistici
Sapori salentini
Utilità
Segnala ad un amico!
Aiutaci a migliorare!
 
Copyright © 2001-2017 Salento wide web - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale